RINGRAZIAMENTI

13310331_10206696254791541_3186869642789401313_n
Antonella Monzoni, Piergiorgio Branzi, Sara Palmieri.

Lunedi 30 maggio presso l’Associazione Civita in piazza Venezia 11 a Roma sono stati festeggiati i vincitori della dodicesima edizione del Premio Marco Bastianelli per il miglior libro fotografico pubblicato in Italia nel 2015.
Grande la partecipazione di pubblico, addetti ai lavori ed amici. L’evento si è concluso con un brindisi al tramonto sulla terrazza dell’Associazione Civita gentilmente offerto dall’azienda agricola Casale del Giglio.
Si ringraziano i numerosi partecipanti, i premiati, i membri della giuria Andrea Attardi, Giulio Forti, Francesca Orsi, Antonio Politano, Aniello Barone, Manuela De Leonardis, Niccolò Fano, Simona Filippini, Alessandra Mauro e Lina Pallotta e i graditi ospiti l’Editore Roberto Koch e il portavoce della Comunità Armena di Roma. Un particolare ringraziamento a Dario Zerboni Direttore Marketing e Sviluppo dell’Associazione CIVITA, alla segreteria e alla redazione di FOTOGRAFIA REFLEX che da molti anni contribuiscono a rendere questa giornata così importante in ricordo di Marco.

I VINCITORI DEL PREMIO MARCO BASTIANELLI 2016

 

Premio opera di autore italiano

Antonella Monzoni

FERITA ARMENA

Gente di fotografia Edizioni

“Ho visitato più volte lʼArmenia, mi sono affidata agli incontri, alle visioni, al tormento dei paesaggi, alla bellezza antica e severa delle chiese e dei monasteri, e ho sentito la forte necessità di identità culturale e religiosa della gente armena, unita alla loro profonda e quasi leggendaria tristezza.” copertina ferita armena

_________________________________________________________________

 

Premio speciale Menzione d’Onore

Piergiorgio Branzi

IL GIRO DELL’OCCHIO

CONTRASTO

il-giro-dellocchio-piergiorgio-branzi-copertina-libro-contrasto

_________________________________________________________________

 

Premio opera autoprodotta di autore italiano

Sara Palmieri

LA PLUME PLONGEA LA TETE

Self -published, handmade

Il lavoro di Sara Palmieri affronta poeticamente il labile confine tra visibile ed invisibile con la capacità di suscitare emozione e invita ad entrare nella costruzione editoriale inducendo il lettore /spettatore al dialogo sia concettuale che tattile con l’oggetto di libro d’artista. Convince per la sua capacità di incarnare lo spirito di libertà e sperimentazione che dovrebbe contraddistinguere il self -publishing.

DSCF3365a

_______________________________________________________________

Nell’esaminare i libri pervenuti la giuria ha anche ritenuto di voler segnalare due opere degne di menzione: PEAK di Nicolò Degiorgis edito da Rorhof e MAA di Federico Carpani self published che esplorano in modo diverso ma personale ed incisivo il labile territorio di confine tra fotografia, arte, grafica e design.

NICOLò DE GIORGIS

fb9265d4-58df-471b-86b4-e48424ac7cef

_________________________________________________________________

Vi aspettiamo lunedì 30 maggio alle ore 17 per incontrare gli Autori premiati  e per un brindisi al tramonto sulla terrazza dell’Associazione Civita a Roma, in piazza Venezia 11, con degustazione di  vini gentilmente offerti dall’azienda agricola Casale del Giglio.

PREMIO OPERA AUTORE ITALIANO 2016

ANTONELLA MONZONI

FERITA ARMENA

Gente di Fotografia Edizioni

Il Premio Marco Bastianelli 2016 è andato ad Antonella Monzoni con il libro FERITA ARMENA perché, secondo la giuria “Antonella Monzoni con le sue intense e profonde immagini in bianco e nero conduce un’esplorazione nella memoria e nella cultura di un popolo che non ha dimenticato la sua ferita restituendoci con intensità il dramma, la forza e la speranza della comunità armena. Il libro, curato da Gente di fotografia Edizioni, impeccabile nella grafica, è un esempio di reportage contemporaneo di grande  spessore.”

copertina ferita armena

“Ho visitato più volte lʼArmenia, mi sono affidata agli incontri, alle visioni, al tormento dei paesaggi, alla bellezza antica e severa delle chiese e dei monasteri, e ho sentito la forte necessità di identità culturale e religiosa della gente armena, unita alla loro profonda e quasi leggendaria tristezza.”

PREMIO SPECIALE MENZIONE D’ONORE

PIERGIORGIO BRANZI

il giro dell’occhio

CONTRASTO

La giuria del Premio è lieta di assegnare a Piergiorgio Branzi il premio speciale e la menzione d’onore per il libro “Il giro dell’occhio”. Viaggio autobiografico di un grande Maestro della fotografia italiana del novecento che, oltrepassando con stile e curiosità intellettuale i confini tra pittura, fotografia e reportage sociale si racconta e ci svela, attraverso un raffinato bianco e nero, una stagione importante della cultura italiana e non solo.

il-giro-dellocchio-piergiorgio-branzi-copertina-libro-contrasto

 

PREMIO OPERA AUTOPRODOTTA DI AUTORE ITALIANO 2016

SARA PALMIERI

LA PLUME PLONGEA LA TETE

Self -published, handmade

Il Premio Marco Bastianelli 2016 opera autoprodotta è andato ad Sara Palmieri con il libro La plume plongea la tete, perché secondo la giuria “Il lavoro di Sara Palmieri affronta poeticamente il labile confine tra visibile ed invisibile con la capacità di suscitare emozione e invita ad entrare nella costruzione editoriale inducendo il lettore /spettatore al dialogo sia concettuale che tattile con l’oggetto di libro d’artista. Convince per la sua capaciità di incarnare lo spirito di libertà e sperimentazione che dovrebbe contraddistinguere il self -publishing”

DSCF3365a

GIURIA

 Premio Marco Bastianelli 2016, XII edizione

Giuria

Andrea Attardi, Fotografo e Docente di fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Roma.

Michele Buonanni, Direttore editoriale Fotografia Reflex.

Giulio Forti, Direttore dell’Editrice Reflex e Fotografia Reflex

Diego Mormorio, Storico, Critico della fotografia e Saggista.

Francesca Orsi, Curatrice e Critica fotografica.

Antonio Politano, Fotografo e Giornalista, Direttore artistico del Festival della Letteratura di Viaggio.

Giuria self-publishing :

Aniello Barone, Fotografo, Sociologo, Docente di fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli.

Manuela De Leonardis, Storico e Critico d’arte /critico fotografico, Giornalista, si occupa di cultura / arti visive.

Niccolò Fano, Fotografo e Direttore di Matèria galleria dedicata alla fotografia contemporanea.

Simona Filippini, Fotografa, Fondatrice dell’associazione Camera 21, dedicata alla cultura fotografica.

Alessandra Mauro, Direttore artistico della Fondazione Forma per la Fotografia di Milano e Direttore editoriale della Casa editrice Contrasto.

Lina Pallotta, Fotografa campana, insegna fotografia tra New York e Roma.

Elisabetta Portoghese Bastianelli, Presidente di Giuria.

INFO:
http:\\premiomarcobastianelli.com
Teresa Cerulli, t.cerulli@reflex.it;
PMB, premiomarcobastianelli@gmail.com

ROMA, GIOVEDI 28 MAGGIO 2015, ECCO I VINCITORI

Il Premio Marco Bastianelli 2015 è andato a Lisetta Carmi con il libro “Ho fotografato per capire” perché, secondo la giuria, “il libro è lo sviluppo della dichiarazione contenuta nel titolo. Nelle immagini si coglie oltre la forza espressiva e la poesia anche la sfida di Lisetta Carmi ai pregiudizi, andando al di là degli stereotipi, dai travestiti di Genova a Ezra Pound, a scenari da Belfast a Gerusalemme”.

Giovedì 28 maggio presso l’Associazione Civita in piazza Venezia a Roma sono stati proclamati i vincitori dell’undicesima edizione del Premio Marco Bastianelli per il miglior libro fotografico pubblicato in Italia nel 2015. Grande la partecipazione di colleghi giornalisti ed amici, insieme a fotografi, critici ed editori. Anche questa edizione ha mostrato di richiamare notevole interesse da parte del pubblico oltre che degli addetti ai lavori.

Durante la  premiazione i presenti hanno avuto il piacere di scambiare opinioni e commenti sui libri di fotografia. Tra gli altri Maria Francesca Bonetti che ha curato il saggio conclusivo del libro vincitore, Patrizia Pentassuglia antropologa e fotografa che ha studiato a fondo l’opera di Lisetta Carmi, l’editore Mario Peliti che ha avuto il merito di farci scoprire con questo libro dalla grafica impeccabile l’intera opera della grande fotografa. 

Claudio Corrivetti, editore coraggioso e instancabile nel promuovere i libri di fotografia in Italia ed all’estero, ci ha raccontato come è nato il libro Saudade Moon del fotografo Paolo Marchetti, vincitore della sezione Opera Prima .                                 

Dalla conversazione con Tommaso Tanini vincitore del Premio self publishing insieme al collettivo Discipulae con il  libro “H. said he loved us” e con Paolo Marchetti vincitore del Premio opera prima, sembra emergere una generazione di giovani fotografi attenta e sensibile alla memoria storica, alla bellezza e all’inquietudine del mondo contemporaneo ed aperta alla sperimentazione di nuovo linguaggi.    

L’evento si è chiuso con un brindisi al tramonto sulla terrazza dell’Associazione Civita  offerto dall’azienda agricola Casale del Giglio che ha presentato una selezione dei suoi vini.                                                                     

DSC01274



GIURIA
Piergiorgio Branzi, Fotografo e Giornalista.
Manuela De Leonardis, Storico e critico d’arte /critico fotografico, Giornalista, Emilio D’Itri, Fotografo, Direttore di Officine Fotografiche Roma.
Giulio Forti, Direttore dell’Editrice Reflex, Fotografia Reflex e Digital Photographer Italia.
Antonio Politano, Fotografo e Giornalista, Direttore artistico del Festival della Letteratura di Viaggio.
Elisabetta Portoghese Bastianelli, Presidente di giuria.

“Ho fotografato per capire”, edito da Peliti Associati, a cura di Giovanna Chiti,con testi di Antonio Gnoli e Maria Francesca Bonetti, raccoglie, per la prima volta in maniera articolata ed esaustiva, tutto il lavoro di Lisetta Carmi: dalle prime fotografie del 1960, in occasione di un viaggio in Puglia, alle ultime realizzate in India nel 1979. Le immagini testimoniano il desiderio di vicinanza, comprensione e rispetto verso le persone, specie quando costrette in condizione di estremo disagio.
Suddivisa in 17 sezioni, la raccolta presenta tutti i temi affrontati da Lisetta Carmi durante la sua ventennale e significativa carriera. Oltre al reportage di documentazione e denuncia sociale sulle terribili condizioni dei portuali di Genova e a quello dedicato ai travestiti del 1972, il libro presenta la serie del Cimitero Monumentale di Staglieno, quella dei ritratti del poeta Ezra Pound (Hailey, 1885 – Venezia, 1972), la sequenza del parto ripresa nell’ospedale Galliera, lo straordinario Quaderno musicale di Annalibera dedicato a un’opera di Luigi Dallapiccola e il libro d’artista sulla metropolitana di Parigi realizzato nel 1965.

Lisetta Carmi nasce a Genova nel 1924 da una colta famiglia ebrea laica. A quattordici anni, a causa delle leggi razziali è costretta ad abbandonare la scuola; Questo episodio segnerà fortemente la sua vita.Destinata ad una brillante carriera di concertista, la abbandonerà presto per la fotografia con la quale riuscirà esprimere il suo pensiero di donna libera delle convenzioni del tempo ed il suo interesse per la sofferenza della gente. Svolgendo il suo lavoro in modo intelligente sensibile e rigoroso, gira il mondo realizzando reportage di grande impatto ancora oggi all’avanguardia per i temi trattati. Da molti anni vive la sua “quinta vita” in un centro spirituale da lei fondato in Puglia dedicandosi alla calligrafia cinese ed alla pittura, alla bellezza ed al sapere.

Premio Marco Bastianelli 2015 a Lisetta Carmi con il libro

Premio Marco Bastianelli 2015 a Lisetta Carmi con il libro “Ho fotografato per capire” Peliti Associati

Venezuela

Travestiti2

Travestiti1

Sardegna2

Sardegna1

Prime

Pound

Parigi

Israele

Irlanda

India

Genova

Firenze

Afganistan










Il premio della sezione Opera Prima va al libro “Saudade Moon“ di Paolo Marchetti con la seguente motivazione:

Non è facile combinare nello stesso istante fotografico le infinite sfumature della saudade e quelle del mondo brasiliano. Paolo Marchetti, fotografo e reporter romano, ci riesce in questo bel libro interpretando con immagini intense e coinvolgenti, a volte oniriche, lo stato d’animo d’una nazione immensa e in grande trasformazione. Un racconto fotografico che scava in un paesaggio fatto di momenti, luoghi e persone e che, tuttavia, dà allo spettatore la libertà di immaginare i molteplici punti di osservazione

Grazie a questo lavoro Marchetti è stato dichiarato anche vincitore della prima edizione del Leica Photographers Award.                                                            

Saudade Moon di Paolo Marchetti è un viaggio immersivo attraverso il Brasile.“Ho viaggiato nella terra brasiliana per cinque anni, tentando di cambiare la mia andatura narrativa, la mia vocalità fotografica e l’ho fatto ascoltando la distanza emotiva tra me e questo paese incredibile, definitivo.
Ho vissuto il Brasile a partire dall’ipnotica Amazzonia fino alle fattorie dell’800 nello stato del Minas Gerais, ho visitato poi le isole a nord della costa fino al deserto nello stato del Maranhao.
Ho fotografato la cultura delle spiagge, ma anche il Natale nelle favelas delle grandi città sulla costa e nell’entroterra. 
Ho cercato di restituire la voce artistica espressa dall’architettura di Brasilia e ho taciuto durante le cerimonie rituali del Condomblè, fotografandole con incanto e inconsapevolezza, poi ho viaggiato nei villaggi coloniali, raccontando le realtà più povere, quelle dimenticate da questo isterico processo economico in corso.Ho raccolto immagini aeree e in tutto questo rumore emotivo, ho tentato di restituire la musicalità di questa vasta terra e della sua profonda cultura.

“Saudade Moon” non è un diario di viaggio, ma un passaggio emozionale nel mio “invisibile” Brasile, dunque il tentativo di cambiare sguardo sulla nazione leader dei prossimi anni. Ho cercato di raccontare il “non detto”, oltre la pacificazione delle favelas, oltre la febbrile preparazione per gli eventi sportivi, che in parte, hanno innescato questa nevrotica reazione economica.”

“Saudade Moon”, è la mia visione lunare del Brasile, il pretesto per riconoscere me stesso negli occhi di un uomo qualunque e rivendicare la mia cittadinanza, ovunque io sia, perché voglio ricordarmi di essere figlio e rimanere fertile alla vita.”

Le sue immagini penetrano nel cuore e nell’anima di questo paese, la sua vera essenza è qui vivida e tangibile. Il fotografo cattura i paesaggi e la gente del Brasile, calandoli in un’atmosfera romantica, quasi come se fosse pervaso da un sentimento simile alla “saudade”, una parola portoghese che sta a indicare uno stato d’animo difficilmente definibile, che ha a che fare con la nostalgia, la melanconia, il desiderio struggente per qualcosa di inafferrabile. Attraverso gli occhi del fotografo vediamo il Brasile e la sua gente in una maniera inedita e penetrante. Le foto di questo libro nel loro insieme, ma anche prese singolarmente, creano un poema visivo capace di coinvolgere l’osservatore e di scuoterne i sensi.

www.paolomarchetti.org

http://www.huffingtonpost.it/2014/12/12/paolo-marchetti-saudade-moon_n_6314070.html Paolo Marchetti: “Saudade moon”. Dall’Amazzonia al deserto del Maranhao le contraddizioni del Brasile viste dalla luna Arianna Catania, L’Huffington Post Pubblicato: 12/12/2014                           http://www.clickblog.it/post/99501/paolo-marchetti-ha-vinto-il-leica-photographers-award-2013

SAUDADE_MOON_07

SAUDADE_MOON_27

   

SAUDADE_MOON_03

SAUDADE_MOON_12

Premio sezione opera prima a Paolo Marchetti con il libro “Saudade Moon“ Postcart​

Premio sezione opera prima a Paolo Marchetti con il libro “Saudade Moon“ Postcart​










Il Premio Marco Bastianelli 2015 sezione self-publishing viene assegnato al libro “H. said he loved us” di Tommaso Tanini / Discipula ​con la seguente motivazione: la capacità di accompagnare il lettore attraverso i labirinti di un mondo segreto amalgamando in modo coerente materiali diversi, immagini originali, fotografie di archivio e ritratti, in una sequenza  fluida ed emozionante“

GIURIA SELF-PUBLISHING

Arianna Catania, Giornalista e Photo-editor, collabora con molte testate nazionali.

Alessandra Mauro, Direttore artistico della Fondazione Forma per la Fotografia di Milano e Direttore editoriale della Casa editrice Contrasto.

Lina Pallotta, Fotografa campana, insegna fotografia tra New York e Roma.

Chiara Capodici e Fiorenza Pinna, creatrici di 3/3, studio di ricerca e realizzazione di progetti fotografici dalla loro progettazione e curatela, alla produzione, programmazione e comunicazione.

“Qualche lampada s’era accesa nelle stanze degli edifici alti che circondavano il giardinetto,e le finestre parevano guardare attente” Dalla lettura del libro di Corrado Alvaro ”L’uomo è forte” scritto nel 1938, osteggiato dal regime fascista ed ancor oggi non facilmente reperibile, nasce un viaggio in Germania che sfocia in un’indagine di ricerca documentaria e visuale dell’artista Tommaso Tanini sugli stati d’animo di chi è costretto a vivere in un regime oppressivo, in una condizione di spia e spiato al tempo stesso, con ritratti e immagini di documenti, oggetti quotidiani, paesaggi urbani desolati e interni anodini.

Il titolo richiama una frase di Hoenecker, leader della GDR che aveva dichiarato “tutto quello che faccio, lo faccio per amore del mio popolo”

www.tommasotanini.com

http://discipulaeditions.com/

http://phosmag.com/2014/12/06/h-said-he-loved-us-by-tommaso-tanini/

http://www.vogue.it/people-are-talking-about/vogue-arts/2014/12/h-said-he-loved-us

front1

12

© Tommaso Tanini, 25×19 cm, 120 pages, concept and design by Discipula, colour & b/w on Tatami paper, swiss binding, soft cover, offset printing, edition of 800, Discipula Editions, 2014

8

21

© Tommaso Tanini, 25×19 cm, 120 pages, concept and design by Discipula, colour & b/w on Tatami paper, swiss binding, soft cover, offset printing, edition of 800, Discipula Editions, 2014

61     

5               

© Tommaso Tanini, 25×19 cm, 120 pages, concept and design by Discipula, colour & b/w on Tatami paper, swiss binding, soft cover, offset printing, edition of 800, Discipula Editions, 2014





Inoltre i membri della Giuria sezione self-publishing hanno ritenuto di segnalare con una menzione speciale il libro Wu Ming + TerraProject = 4 ,collettivo di fotografia documentaria composto dai fotografi Michele Borzoni, Simone Donati, Pietro Paolini, Rocco Rorandelli e da Anna Luzzolini, project coordinator


Menzione speciale anche al libro ‘Russian Interiors’, il progetto del collettivo Cesura in memoria di Andy Rocchelli.




DSC01278 DSC01274 DSC01387 DSC01372 DSC01370 DSC01437 DSC01434 DSC01418 DSC01482 DSC01478 DSC01312 copia DSC01307 DSC01301DSC01332 DSC01283 DSC01274 DSC01338 DSC01319

DSC01481 DSC01477 DSC01456 DSC01453 DSC01452 DSC01444

DSC01472

immagini dell’evento a cura di Sergio Grandi.


PREMIO MARCO BASTIANELLI 2015

Premio Marco Bastianelli 2015 a Lisetta Carmi con il libro

Premio Marco Bastianelli 2015 a Lisetta Carmi con il libro “Ho fotografato per capire” Peliti Associati

Premio sezione opera prima a Paolo Marchetti con il libro “Saudade Moon“ Postcart​

Premio sezione opera prima a Paolo Marchetti con il libro “Saudade Moon“ Postcart​

Premio sezione self-published a Tommaso Tanini / Discipula con il libro

Premio sezione self-published a Tommaso Tanini / Discipula con il libro “H. said he loved us” ​

In data 8 e 11 maggio si  è riunita la giuria del Premio Marco Bastianelli 2015; Dopo attenta valutazione la giuria decide di assegnare il premio al libro di Lisetta Carmi, ”Ho fotografato per capire”, con la seguente motivazione: “il libro è lo sviluppo della dichiarazione contenuta nel titolo. Nelle immagini si coglie oltre la forza espressiva e la poesia anche la sfida di Lisetta Carmi ai pregiudizi, andando al di là degli stereotipi, dai travestiti di Genova a  Ezra Pound, a scenari da Belfast a Gerusalemme.”

Il premio della sezione Opera Prima va al libro “Saudade Moon“ di Paolo Marchetti con la seguente motivazione: “Non è facile combinare nello stesso istante fotografico le infinite sfumature della saudade e quelle del mondo brasiliano. Paolo Marchetti, fotografo e reporter romano, ci riesce in questo bel libro interpretando con immagini intense e coinvolgenti, a volte oniriche, lo stato d’animo d’una nazione immensa e in grande trasformazione. Un racconto fotografico che scava in un paesaggio fatto di momenti, luoghi e persone e che, tuttavia, dà allo spettatore la libertà di immaginare i molteplici punti di osservazione”

Il Premio Marco Bastianelli 2015 sezione self-publishing viene assegnato al libro “H. said he loved us” di Tommaso Tanini / Discipula ​con la seguente motivazione: “la capacità di accompagnare il lettore attraverso i labirinti di un mondo segreto amalgamando in modo coerente materiali diversi, immagini originali, fotografie di archivio e ritratti, in una sequenza  fluida ed emozionante“

Inoltre i membri della Giuria sezione self-publishing hanno ritenuto di segnalare con una menzione speciale il libro Wu Ming + TerraProject = 4.
Menzione speciale anche al libro ‘Russian Interiors’, il progetto del collettivo Cesura in memoria di Andy Rocchelli.

GIURIA

Piergiorgio Branzi, Fotografo e Giornalista.
Manuela De Leonardis, Storico e critico d’arte /critico fotografico, Giornalista, si occupa di cultura / arti visive.
Emilio D’Itri, Fotografo, Direttore di Officine Fotografiche Roma.
Giulio Forti, Direttore dell’Editrice Reflex, Fotografia Reflex e Digital Photographer Italia.
Antonio Politano, Fotografo e Giornalista, Direttore artistico del Festival della Letteratura di Viaggio.
GIURIA SELF-PUBLISHING
Arianna Catania, Giornalista e Photo-editor, collabora con molte testate nazionali.
Alessandra Mauro, Direttore artistico della Fondazione Forma per la Fotografia di Milano e Direttore editoriale della Casa editrice Contrasto.
Lina Pallotta, Fotografa campana, insegna fotografia tra New York e Roma.
Chiara Capodici e Fiorenza Pinna, creatrici di 3/3, studio di ricerca e realizzazione di progetti fotografici dalla loro progettazione e curatela, alla produzione, programmazione e comunicazione.
Elisabetta Portoghese Bastianelli, presidente di giuria.

RECENSIONI

PREMIO MARCO BASTIANELLI 2005 – 2015